Convinzioni limitanti nelle relazioni interpersonali

(0 Customer reviews)

ESAURITO

Obiettivo del corso

Il percorso ha lo scopo di allenare i partecipanti a sviluppare una comunicazione interiore tra sé e sé attivando un locus of controll interno ossia un punto di vista e di auto-osservazione sulle dinamiche dei propri pensieri e sui relativi modelli di comportamento. Lo scopo è quello di iniziare a essere protagonisti della propria vita attivando l’intenzione e la mente creativa, ossia quella della volontà. Si andrà a lavorare sulle convinzioni limitanti della mente ( idee che tolgono il potere di agire e influenzare la propria vita privata e lavorativa)

Esaurito

COD: Convinzioni limitanti nelle relazioni interpersonali Categoria: Tag: , , , , ,

Descrizione

Obiettivo del corso

Il percorso ha lo scopo di allenare i partecipanti a sviluppare una comunicazione interiore tra sé e sé attivando un locus of controll interno ossia un punto di vista e di auto-osservazione sulle dinamiche dei propri pensieri e sui relativi modelli di comportamento. Lo scopo è quello di iniziare a essere protagonisti della propria vita attivando l’intenzione e la mente creativa , ossia quella della volontà. Si andrà a lavorare sulle convinzioni limitanti della mente ( idee che tolgono il potere di agire e influenzare la propria vita privata e lavorativa)

Metodologia e Laboratorio Pratico

La formazione attiva in azienda è un metodo molto efficace per aiutare i partecipanti a prendere consapevolezza dei loro comportamenti e dei loro schemi mentali auto-limitanti e aiutarli a trovare un modo concreto per cambiarli. Prende spunto dal ciclo di apprendimento di Kolb. Si invitano i partecipanti a sperimentare delle attività che hanno lo scopo di vivere nel momento i concetti su cui vogliamo lavorare. Si attivano i 5 sensi creando un’esperienza (azione + emozione provata) che il nostro cervello ricorderà come un vissuto (un pezzo di vita sperimentata).

AZIONE ->EMOZIONE->ANCORAGGIO->RICORDO

L’obiettivo è mettere in pratica comportamenti diversi, da quelli usuali, grazie ad un cambio di pensiero attivato da un’esperienza vissuta.

Durata

12 ore suddivise in n.4 sessioni online

Contenuti

1° modulo:

    • – Il modo di pensare duale

 

    • – Le influenze del sistema di credenze educativo e come “vediamo la vita”

 

    – Le trappole della “buona educazione”

2° Modulo

    • – Sicurezza in noi stessi, fragilità personale, ciò che è diverso è una minaccia – omologazione mentale

 

    – Imparare a dire NO e ad accogliere il No, responsabilità, rabbia, paura, ginnastica del cuore e della coscienza

3° modulo

    • – Il senso di colpa è un giudizio non un’emozione

 

    • – Quando si innesca il senso di colpa

 

    • – Cambio di modo d’agire

4° modulo

      • – Imparare a dire NO e ad accogliere il No, responsabilità, rabbia, paura

 

      • – ginnastica del cuore e della coscienza

 

      • – La felicità non è un must have

Docente

Katia Remondi, Business Coach & HR Trainer , operatrice del colore e di strategie creative

Informazioni aggiuntive

tipologia

Formazione, Saper Essere

Modalità

on-line

durata

12 ore

1° incontro

00/00/2023 dalle 16.00 alle 19.30

2° incontro

00/00/2023 dalle 16.00 alle 19.30

3° incontro

00/00/2023 dalle 16.00 alle 19.30

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “Convinzioni limitanti nelle relazioni interpersonali”


You may also like…

ESAURITO
Obiettivo del corso Questo percorso ha l’obiettivo di condividere con i partecipanti, in modo pratico e con un linguaggio comune e comprensibile a tutti, le nuove scoperte sul funzionamento della nostra mente; sul ruolo fondamentale che il nostro sistema di credenze ha sul nostro corpo e sulla nostra biologia; su come percepiamo e agiamo nel nostro ambiente domestico e professionale; sulla chimica emozionale e sugli effetti dello stress sulla nostra mente e sulla nostra salute.
ESAURITO
Obiettivo del corso Ispirato agli studi di Marshall B. Rosemberg, padre fondatore della «Comunicazione NON Violenta», questo percorso ha lo scopo di aiutare le persone a «smascherare» alcuni condizionamenti inconsci circa il modo di sentirsi felici, di essere gentili e «brave persone» sia nel privato che nella vita professionale. Spesso confondiamo comportamenti di compiacenza con la gentilezza, spesso ci diamo la colpa di non riuscire ad essere felici ma se tutto questo nascesse da un sistema di credenze che non ci permette di sentirci fragili e autentici? Questo percorso ha l’obiettivo di osservare il nostro modo di pensare e creare nuovi paradigmi più sostenibili per noi e chi sta intorno a noi.