Project Description

Obiettivi

Alla luce delle nuove disposizioni la valutazione del rischio stress correlato è un obbligo a carico del datore di lavoro, che dopo aver consultato i rappresentati dei lavoratori per la sicurezza, deve pianificare un percorso di intervento che comprende l’identificazione di eventuali fattori di pericolo, programmare le soluzioni correttive e monitorarne nel tempo gli effetti.
“La valutazione prende in esame non i singoli soggetti, ma gruppi omogenei di lavoratori che risultino esposti a rischi dello stesso tipo, secondo un’analisi che ogni datore di lavoro può autonomamente effettuare in ragione dell’organizzazione aziendale”, aggiunge la dottoressa. “Possono essere, per esempio, i turnisti, i dipendenti di un determinato ufficio oppure chi svolge la medesima mansione”.

Gli obiettivi del percorso sono quindi:

  • Sviluppare un assessment adeguato del fenomeno Stress Lavoro Correlato (SLC)
  • Formare sulla tematica i lavoratori.
  • Fornire strategie e tecniche adeguate al contenimento del SLC.
  • Integrare il Documento di Valutazione dei Rischi con l’idonea documentazione atta a tutelare l’Azienda e i lavoratori

Contenuti

  • D. Lgs. 81/08 art. 28: stress lavoro correlato
  • Assessment delle difficoltà individuo-organizzazione
  • Cenni storici e legislativi relativi allo stress
  • Gli stressors interni ed esterni: sintesi del modello di Cooper
  • Sintomatologia correlata allo stress
  • Strategie di coping per lo stress

Applicazione pratica

Di seguito, le tappe dell’itinerario:

Assessment SLC

  • Analisi della situazione aziendale e valutazione preliminare del SLC.
  • Valutazione approfondita per specificare le dimensioni più stressanti di gruppi di lavoratori

Sensibilizzazione lavoratori

  • Formazione sul tema SLC
  • Condivisione dei risultati emersi dalla fase “Assessment”

Strategie e Tecniche di contenimento

  • Promuovere la cultura “stress reduction” aziendale
  • Fornire strumenti individuali per la il contenimento dello SLC

Integrazione DVR e sviluppo PFA

  • Impostare nel Documento di Valutazione dei rischi una struttura di contenimento dei fattori SLC
  • Raccogliere elementi emersi dall’analisi SLC per sviluppare il Piano Formativo Aziendale ottenendo un doppio beneficio dalla fase di ssessment che, oltre a fornire indicazioni sulla gestione del SLC, diventa spunto per i futuri Piani Formativi che saranno, a loro volta, garanzia di una sensibilità aziendale al tema

Il supporto Sil.Ca.

Trainer, tutor e coach professionisti si alterneranno nell’affiancamento al team nei vari momenti di attività, facilitandone le interazioni e supportandoli laddove mancano le competenze specifiche.
Il contributo dei consulenti non dovrà essere finalizzato a “facilitare le soluzioni”, ma a dargli le competenze per trovarle da soli, in modo creativo e allo stesso tempo strutturato.

Il processo di facilitazione porta il gruppo a lavorare seguendo i principi del team working e questo consente di sviluppare competenze anche in questo senso.

La funzione dei consulenti in questo ambito, non è solo quello di aiutare il team a sviluppare le competenze in gioco ma anche quello di restituire all’azienda una fotografia, attraverso un feedback strutturato, del funzionamento del team. Fotografia ricca di elementi su cui l’azienda può impostare eventuali percorsi di valutazione, sviluppo e riorganizzazione delle sue risorse.

SEI INTERESSATO A QUESTO CORSO? CONTATTACI SUBITO